lunedì 18 settembre 2017

VISTI da PIETRO II parte



Pietro Fusco ha presentato  questa sera nella Pinacoteca civica di Positano la sua personale  " Visti da Pietro " 30 opere realizzate con la Tecnica del " Pixel Art" utilizzando fogli protocollo a quadretti e pennarelli di ogni tipo. " Si basa sui vari pixel di uno schermo di un computer che messi insieme formano un immagine con significato per chi osserva " Mi spiega Pietro con un linguaggio forbitissimo per un ragazzo di soli 12 anni. 

                                                      passeggiando alla marina con Pietro

                                         al tirassegno.. 15 colpi 15 centri . Fatto fuori tutte
                                           le lampadine e bottigliette
                                        Un sorso  rinfrescate e su alla Pinacoteca ..

" Pietro conosce benissimo le lingue estere come lo spagnolo e l'inglese" mi dice una sua insegnante.
Inoltre è un artista a tutto campo, Suona la chitarra e il violino. quest'anno la Compagnia Teatrale Abusiva dei Murattori hanno scoperto in lui una particolare attitudine nel recitare.

                                 con le sue compagne di scuola

In questa mostra ha ritratto i personaggi più rappresentativi come icone della cultura POP  ma anche personaggi tratti dai cartoons o monumenti storici.

A chi dedichi questa mostra? " La voglio dedicare a chi mi sta vicino e mi da un appoggio morale ogni volta che ce  ne è bisogno.


I disegni esposti di cui vado più fiero sono quelli sui Beatles e il quadro chiamato " Diversity" che simboleggia la diversità tra tutti gli abitanti di questo Mondo"

                                Pietro tra l'ass. Francesco Guida e il regista Gian Maria Talamo.
                                 Guida gli dona un libro su Positano di Gennaro Cuccaro  
                               La dedica del sindaco
                                              ALTRE FOTO:

Mentre ci parliamo
 
 
 
 
 
 
 

Visti da Pietro... questa sera in Pinacoteca






" Ho incontrato Pietro Fusco, sul set allestito a casa sua, per girare i corti delle cosmicomiche, ma il nostro primo incontro risale ad alcuni anni fa, alle scuole elementari. Come al solito ogni occasione è buona per fare due chiacchiere, la casa di Pietro, o per essere precisi di Luca e Anna Maria (i suoi genitori NDA), è da tempo diventata un agorà, dove spesso ci ritroviamo a parlare di teatro, di progetti vari, di altri corti, sceneggiature, film, visti, da vedere e da realizzare, spesse volte le discussioni si fanno accese, infiammate dal sacro fuoco della passione artistica. Sarà per questa agorà sospesa tra il mare e il cielo, sarà per questa bellissima famiglia, se ogni volta torniamo alle nostre case, sempre più ricchi d’amore, ecco si! Se devo racchiudere il senso dell’arte, non trovo parola migliore, di questa... Amore. Le emozioni, ci spingono a nutrirci di Noi, quel Noi che come diciamo da sempre è “il vangelo” dei Murattori, e questo Noi è presente nei quadri di Pietro, quando ce li ha mostrati la prima volta, sono rimasto stupito non tanto dalla bellezza, ma da ciò che essi rappresentano, semplici pixel, semplici tessere di un colore a volte simile ad altri a volte diverso da quella successiva, che prese singolarmente, sono niente, quasi insignificanti, ma messe insieme, danno è il caso di dirlo: il quadro nel suo insieme, e quale metafora migliore di questa? Lascio a chi stasera sarà con Noi, le considerazioni e le emozioni che l’insieme di colori, di persone, culture, pensieri, parole, posso regalare a questo mondo a questa vita. La stessa vita del secolo scorso, quel novecento così intenso e contraddittorio, con le sue icone, e i suoi miti, dopo averne parlato insieme si è deciso di non inserire alcune figure “oscure” della storia, non per omertà, ma per mancanza di capienza, dove si è Noi, è difficile trovare spazio per l’io. Quindi Noi vi aspettiamo tutti… se il genio non si può spiegare, si può sicuramente ammirare, e questa è l’occasione giusta " Enzo De Lucia
Pietro in un fermo immagine tratto dal video realizzato con i Murattori 
 per il saggio del Centro Studi Positano Danza diretto da Alessandra Ginevra
Cosi mi scrive Enzo di Pietro sulla mostra che si aprirà questa sera  alle 18.30  nella Pinacoteca Comunale " Visti da Pietro.  30 icone del 900 in 30 disegni di Pietro Fusco, realizzati con pennarelli , fogli di carta a quadretti con effetto pixel.  In poche parole riempiendo con coloree i vari quadretti riproduce le immagini di personaggi o monumenti favosi.

                                                                           ALCUNI DISEGNI di PIETRO



 
Solo tre .. gli altri venite in Pinacoteca per  vederli tutti. Ribadisco ore 18.30
in Pinacoteca
 

domenica 17 settembre 2017

FESTA DEL PESCE 2017 a POSITANO



                                  Scrive Paolo marrone ....
“ Il tempo passa e spesso ci chiediamo se le cose che facciamo abbiano ancora un senso alla luce delle mutate condizioni della nostra vita e del mondo che ci circonda. Vale ancora la pena riunirsi, discutere, impegnarsi, dedicare parte del proprio tempo per organizzare una festa che è passata attraverso cambiamenti epocali, ma che ci ha sempre visto al suo fianco incapaci di rinunciare al suo fascino intramontabile. La risposta è si, mille volte si, perché la Festa del pesce, non è una manifestazione qualsiasi, ma un vero e proprio way of life. Le parole d'ordine sono ottimismo, fiducia e speranza. Ottimismo, perché senza una visione positiva della vita non ci si potrebbe buttare anima e corpo in un'impresa del genere. Fiducia, soprattutto verso i propri compagni d'avventura e verso tutte le persone che ogni anno ci danno una mano con convinzione ed  entusiasmo.

Speranza, che questo spirito non muoia mai e venga trasmesso ai nostri giovani, che sempre più numerosi ci affiancano ogni anno. Siamo giunti così alla XXVI edizione che vedrà sabato 30 settembre rinnovarsi sulla spiaggia di Fornillo l'appuntamento con questa festa che chiude l'estate positanese. Molte le conferme, ma anche le novità di quest'anno. Ci sarà ancora Il pazzariello di Pasquale Terracciano ad aprire la festa accompagnando gli ospiti all'imbarco sul molo.
 



Ci sarà la sangria di benvenuto sulla banchina, ci saranno tutti i piatti della nostra tradizione, con la novità delle trofie alici e noci preparate con pasta fresca e la fantasia di mare allo scoglio di Navigo, una sorpresa ideata dallo chef Nicola, che sostituirà la tartara di tonno. Sul palco del marela musica popolare cede il posto al sound travolgente del gruppo caprese degli Allerija e alle compilations del Dj Lillo8. Confermati infine i fantastici giochi di fuoco e luce che chiuderanno la festa. L'associazione Festa del Pesce Positano inoltre, nell'intento di portare avanti il proprio impegno nella solidarietà e nella promozione, tutela e valorizzazione del territorio, come previsto dal proprio statuto, ha collaborato con l' Associazione Macchia Mediterranea all'organizzazione del convegno "Positano Work in Progress- Turismo sostenibile che si svolgerà il 21 settembre alle ore 17.30 presso l'albergo Pupetto.

Temi in discussione: la problematica del presidio fisso C.R.I. alla spiaggia, l'apertura del sentiero di Remmese, La regolamentazione del transito delle imbarcazioni nel territorio del parco marino. di Punta Campanella e l'andamento della raccolta differenziata dei rifiuti. Ci saranno gli interventi di numerosi esperti e responsabili della gestione del nostro territorio. In ultimo, l'Associazione Festa del Pesce, recependo la proposta del parroco Don Michele, sollecitato da un operatore della spiaggia di Fornillo, collaborerà  all'organizzazione della prima messa che si sia mai celebrata su questa spiaggia. La funzione religiosa si terrà sabato 30 settembre alle ore 09.00 il località Montone. Vi aspettiamo numerosi come sempre, rinnovando anche l'invito a partecipare a questo evento non solo da spettatori, ma da protagonisti, collaborando con noi alla sua organizzazione. Starete con noi per due giorni, pulirete il pesce con noi, mangerete sulla spiaggia con noi, condividerete con noi ogni momento di questa festa e alla fine, siamo sicuri, tornerete a casa con un ricordo bellissimo e tanti nuovi amici da portare nel cuore.”  Paolo Marrone

Altre foto correlata " pescate " in archivio 

                               La pulitura del pesce
                                 sangrillà di benvenuto sulla banchina
                             

durante una serata e sotto o' pazzariell' 
 
 
 

Positano premia la danza: Sensazioni

lo spettacolo di Danza del Centro Studi Positano Danza diretto da Alessandra Ginevra dopo le avversità meteo della scorsa settimana si è svolto ieri sera sulla Spiaggia Grande di Positano:
Una particolare attenzione a Bea De Martino che quest' anno ha preso il Diploma di danzatrice..

                    Ospite d' onore Franco Annarumma. Solista presso il Teatro dell' Oprera di Monaco di Baviera.  Francesco è di Ercolano. Le sue esperienze precedenti: L' english National Ballet di Londra. Teatro della Scala, Milano , Accademia di Danza a Montecarlo

Tra il primo II atto Una comica teatrale " Le Cosmicomiche di Italo Calvin0" adattamento di Enzo De Lucia per la regia di Gian Maria Talamo. con Pietro Fusco,Riccardo Marrone, Davide Talamo Francesca De Rosa yara CinqueDamiano Cussaro, Simone Gentile, Davide Gentile e Ovidius Irace-
 
Gian Maria Talamo
 









 
Francesco in uno dei suoi salti strepitosi

 
 
                                    Bea con Simone Giacola